Campagna Liberafiumi in Terre di Siena (2012-2015) PDF Stampa E-mail
Indice dell'articolo
Campagna Liberafiumi in Terre di Siena (2012-2015)
I corsi d'acqua
Una piccola guida per l'attivista
L'attività di monitoraggio (con schede e tavole cartografiche)
Protocollo di intesa WWF e Mosca Club
Contatti

Mostra tutto l'articolo in un'unica pagina

Presentazione

Sin dalla nascita della civiltà i fiumi hanno rappresentato per l'uomo fonte di vita e ricchezza, talvolta assumendo importanti significati religiosi: non è un caso infatti se l'80% della popolazione mondiale, circa 5 miliardi di persone, vive in prossimità di corsi d'acqua. Oggi gli ecosistemi fluviali sono in crisi per lo sfruttamento agricolo intenso, l’inquinamento, l'incremento del consumo idrico pro capite, la contaminazione degli habitat con specie aliene invasive e l'alterazione morfologica degli alvei attraverso opere artificiali (ad es. dighe, canalizzazioni, sbarramenti, ecc...). A questi problemi si devono aggiungere gli effetti del riscaldamento climatico, con un generale aumento delle temperature, scioglimento dei ghiacci ed alterazione dei cicli di piovosità, che mettono ulteriormente a repentaglio la sopravvivenza degli habitat ospitati dagli ecosistemi fluviali.

Alla base del progressivo deterioramento ambientale dei fiumi vi è da parte dell'uomo la pesante mancanza di una cultura diffusa del rispetto della loro naturalità, come testimoniato ogni giorno da una moltitudine di piccole e grandi azioni intraprese ai danni dei corsi d'acqua, da parte di cittadini, amministrazioni ed imprese. Per citarne alcune: l'immissione di acque reflue non depurate; tagli distruttivi della vegetazione riparia; l'uso di sostanze velenose in agricoltura poi dilavate dalle piogge; l'immissione di pesce da parte di alcune associazioni di pescatori che trattano il fiume come una vasca da pesca; il mancato rispetto delle distanze per le colture dalle sponde; captazioni idriche non sostenibili; scarichi industriali; canalizzazioni e artificializzazioni; realizzazione di aree pubbliche in cui si banalizza la funzione ecologica del corso d'acqua, relegandolo a funzione di scolo urbano o complemento di arredo.

Sulla scia dell'accordo che il WWF Italia ha siglato a livello nazionale con lo Spinning Club Italia, nell'aprile 2012 il WWF Siena e l'Associazione Mosca Club Siena hanno siglato un protocollo di intesa per la realizzazione di una campagna di tre anni sul monitoraggio dei principali fiumi della provincia di Siena.

La campagna ha fra gli scopi:

  • accertare lo stato generale di salute dei fiumi della provincia;
  • promuovere una rinnovata sensibilità culturale al rispetto della naturalità fluviale;
  • formulare proposte di riqualificazione e rinaturazione, anche attraverso lo stimolo alla stesura di "patti di fiume" che riportino il fiume e il sistema delle acque al centro delle politiche del territorio e della evoluzione della comunità locale.


Il gruppo di volontari che ha dato avvio alla campagna il 13 maggio 2012, con il monitoraggio di alcuni tratti
del torrente Arbia, fiume Ombrone e torrente Sorra, per un totale di 18 km di sponde.



Ultimo aggiornamento Sabato 27 Aprile 2013 15:09
 

Lo scopo finale del WWF è fermare e far regredire il degrado dell'ambiente naturale del nostro pianeta e contribuire a costruire un futuro in cui l'umanità possa vivere in armonia con la natura.

Il WWF Italia è un ente morale riconosciuto con D.P.R. n.493 del 4.4.74.

Schedario Anagrafe Naz.le Ricerche N. H 1890ADZ.

O.N.G. idoneità riconosciuta con D.M. 2005/337/000950/5 del 9.2.2005 – ONLUS di diritto